Dreams of Freedom, storia di un'utopia musicale a Ibiza

Sogni di libertà, il primo festival della canzone d'autore a Ibiza, abbiamo fatto godere 30 Giovedi Aprile 2015 con un diverso, proposta musicale di alta qualità.

È passata una settimana da quando alcune persone fortunate (purtroppo non quante meritavano l'occasione) potevamo partecipare Sogni di libertà, la primo festival di cantautori a Ibiza che il 30 Giovedi Aprile 2015 nel fantastico Cine Regio di San Antonio.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Una settimana da elaborare, nel mezzo del consueto vortice di proposte per l'inizio della stagione, a grande evento musicale che ci ha lasciato un incredibile sapore in bocca. Ottimo per il suo semplicità, per essere un proposta molto diversa a cui di solito abbiamo accesso qui sull'isola, benissimo da enorme talento dimostrato dai musicisti che hanno sfilato lì e ottima atmosfera quello che si è creato nel Regio, un luogo pieno di fascino retrò dove non potremmo essere più a nostro agio.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Ed è questo avere un comoda poltrona per scusarti mentre ti lasci sorprendere testi spiritosi pieni di ironiae allo stesso tempo essere in grado di ballare come un matto quando i musicisti accelerano il ritmo senza preoccuparsi di spingere e calpestare e lasciando la birra in un posto sicuro, è un lusso abbastanza apprezzabile per quelli di noi che hanno già un'età.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Dreams of Liberty ci ha deliziato con la scelta di un posto così speciale e magico per la sua realizzazione, ma ovviamente i migliori erano i musicisti incredibili che stavano sfilando per l'intensa serata. Una notte che ci ha portato a grande varietà di ritmi e stili: pop, rock, folk, psichedelia...C'era qualcosa per tutti i gusti, e tutti di ottima qualità.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Al Il cantautore di Madrid PoDoveva aprire l'appuntamento. Qualcosa di timidezza, un sacco di umorismo e simpatia e l'unica compagnia della sua chitarra, reso autore di "Bipolare" ha detto di sentirsi nudo davanti al pubblico, anche se già in questa prima esibizione alcuni fan lo hanno dimostrato il suo lavoro è ben noto sull'isola e hanno incoraggiato il resto del pubblico a lasciare le formalità, lasciarsi andare i capelli e divertirsi ballando.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Pesce gazza (Lucas Álvarez Toledo) accompagnato dal fisarmonicista argentino Alex Balanowsky (che è stato segnato un tango incredibile ed emozionante) è stato il prossimo, iniziato quasi un istante dopo che Pol è scomparso dietro le tende rosse del Regio. Il suo vdeep oz, le sue melodie con influenze nordiche e sudamericane ei suoi testi pieni di denuncia e critica social ha iniziato l'entusiasmo dello staff.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Ma il momento più cartografico e atteso di notte è venuto con l'esecuzione di Angel Stanich, la nuova icona alla moda hipster che, nonostante qualche sfortunato fallimento del suono (materiale live), ha mostrato con la sua potente diretta che è chiamato ad essere uno dei grandi. Accompagnato dal eccellente chitarrista Víctor López, che indubbiamente era più che all'altezza, Stanich ci ha offerto un buon scivolo del rock più lisergico e psichedelico e scatenato l'autentica follia quando finalmente ha culminato la sua performance con il cosiddetto "Submachine Gun Joe".

Suenos-libertà-welcometoibiza

Uno dei pochi fallimenti della programmazione di Sueños de Libertad era programmare il musicista a priori più mediatico, litchi, ex leader di La capra meccanica, che sebbene abbia fatto un l'eccellente diretta ha abbassato molto il tempo Per quanto riguarda la stridula pazzia musicale di Stanich, la sua esibizione divenne un piccolo anti climax. Il che è un peccato, perché il musicista presentato con l'arte (anche se troppo tranquillo per le ore che erano e che avevamo lì) il suo nuovo lavoro, eccellente "In Airplane Mode".

Rimozione di questo e il terribile carenza di birra causato dal sfortuna della controprogrammazione, dal momento che ha coinciso quel fine settimana con altri appuntamenti più massicci musicalmente parlando (non necessariamente meglio): il concerto di Manu Chao e David Bustamante, e anche, perché non dirlo, il mancanza di sostegno istituzionale e privato a un'iniziativa così interessante, rimuovendo quei problemi di cui la sera era piena vera magia musicale.

Suenos-libertà-welcometoibiza

Da qui vogliamo ringraziare ancora una volta Adrián Rodríguez, per averci regalato una splendida serata in cui sognarlo altra musica è possibile a Ibiza, grazie per la realizzazione follie così straordinarie come viviamo in Dreams of Freedom. Speriamo che quest'anno essere il primo di molte date...

INFORMAZIONI SULL'EVENTO

Da non perdere Nada

Ultime notizie, eventi, offerte e molto altro ogni settimana nella tua posta.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per il proprio corretto funzionamento e per finalità analitiche e per mostrarti pubblicità relativa alle tue preferenze sulla base di un profilo ricavato dalle tue abitudini di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto, acconsenti all'uso di queste tecnologie e al trattamento dei tuoi dati per questi scopi. Vedi Cookie Policy
Privacy